Le Tecnologie a Scuola? Prima la Pedagogia.

Ma attenzione al cloud computing!

L’autore affronta lo spinoso problema dell’introduzione delle Tecnologie in Scuola, in particolare nella didattica, ossia nello specifico del mestiere del docente. Le Tecnologie vanno ad interagire con un campo estremamente complesso: quello degli apprendimenti dei ragazzi e addirittura quello della loro educazione. L’inserimento non deve essere per moda, ma per necessità. E la necessità la si ha soprattutto quando il computer viene introdotto not to learn from but to learn with, situazione che si verifica se vogliamo mettere in piedi una didattica centrata sull’alunno, di taglio costruttivista-costruzionista. In pratica si propone come metodologia d’elezione la didattica per progetti e le tecnologie diventano fondamentali per favorire/sostenere lo sviluppo dei diversi passaggi previsti dal metodo Lepida Scuola. L’evoluzione delle Tecnologie fa ritenere tuttavia che queste potranno essere determinanti nel prossimo futuro ANCHE come elementi catalizzatori di una nuova didattica. Si invita inoltre a porre una particolare attenzione al mondo del cloud computing che per la Scuola rappresenta una importante e strategica opportunità.

Pubblicato su L’educatore, anno LVIII n. 4, Fabbri Editori www.fabbriscuola.it

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: