Nel change verso il digitale non dimentichiamo di gestire il periodo di transizione.

· Uncategorized
Autori

Chi ha una buona attrezzatura in termini di competenze digitali può davvero rinunciare alla memoria, tanto trova tutto sul web. Più o meno così Michel Serres. Chi invece di competenze digitali è privo, paradossalmente, ha bisogno di ancora più memoria  perché per lui le cose si sono complicate a dismisura: la società si sta organizzando con l’idea che è possibile trovare tutto sul web. Dunque guai a chi il web non frequenta! Compri un’apparecchiatura? I manuali non te li danno più: li trovi sul web. Devi fare un viaggio? L’orario del treno e il biglietto li trovi sul web. Vuoi acquistare qualcosa? No problem, c’è il web. Il mondo sta diventando off limits per chi di competenze digitali non dispone. E anche le strumentazioni tecnologiche che rappresentavano un aiuto alle persone, oggi si stanno complicando al punto da lasciare disorientati. Mi diceva un signore, anziano e solo, che ha dovuto disdire l’abbonamento al telefono fisso. E sapete perché? Dopo cinque squilli entrava in modalità segreteria. E lui questa segreteria non la sapeva gestire. Non si ricordava  le procedure necessarie a gestirla (ahi! la memoria). Ed essendo piuttosto lento nei movimenti non aveva la possibilità di arrivare al telefono prima che si inserisse la segreteria. Gli ho chiesto perché non ha conservato la linea fissa rinunciando alla segreteria. Ha provato a farlo ma non sapendo come fare ha chiesto aiuto al call center. Arrivarci è stato complesso. Mai una persona a rispondere ma sempre quegli odiosi “digitare 1 per …, 2 per …, etc”. E quando è riuscito a parlare con l’operatore, questi gli ha spiegato in modo veloce, e un pò sgarbato, come fare. Ma lui non è riuscito a ricordarselo. Disperato, con l’aiuto di un nipote, ce l’ha fatta a disdire l’abbonamento … Scoraggiante! Avrebbe avuto bisogno di farsi aiutare da Google, Youtube o altro… ma senza competenze digitali…

E anche per chi di web se ne intende, orientarsi è comunque difficile. Non c’è un’ecologia dei siti, dei layout. Entri in un sito e per fare una cosa devi cliccare in alto a sx, mentre in un altro per la stessa cosa in basso a dx. Davvero è disorientante.

La transizione al digitale è auspicata, ma non dimentichiamo che c’è un periodo di transizione, che si prospetta molto lungo, e questo non va trascurato.

2 commenti

Comments RSS
  1. anna grisendi

    Ciao Enzo e grazie; un’altra volta parliamo della transizione nel mondo del lavoro ed in particolare nella scuola. Siamo sicuri che NESSUNA competenza non digitale, per esempio NESSUNA MEMORIA, darà sorti magnifiche e progressive alla vita dei nativi digitali?

    • enzo zecchi

      Certo che no, anzi siamo sicuri del contrario. E’ un destino bizzarro il nostro: prima dovevamo accendere e ora dobbiamo fare i pompieri. Qualcuno sta perdendo la bussola. E qui davvero ci viene in soccorso quella cultura profonda che il nostro umanesimo ci ha regalato e che deve guidarci.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: